superbanner mobile
VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic

La freschezza prima dell’origine

Secondo una indagine Eurisko per il consumatore conta più l’impatto sensoriale della indicazione di provenienza

Indagine Eurisko: acquisti di frutta, la freschezza prima dell?origine

Evviva l?origine l?etichetta. A cominciare da quella che ci dice tutto sulldi un prodotto. Ma, almeno nel caso di frutta e verdura, il consumatore sembra più interessato alla freschezza, piuttosto che al Paese dove una mela o un pomodoro sono nati. Preferenza – un po? a sorpresa – che emerge da una indagine sugli acquisti di ortofrutta condotta dall?Eurisko per conto di Indicod (Istituto per le imprese di beni di consumo), l?organizzazione che vigila da noi sull?applicazione del codice a barre. Eurisko sottolinea come generalmente si preferisca comperare nei mercatini o dagli ortolani e meno nella grande distribuzione, perché nei primi luoghi si può scegliere meglio da un punto visivo e tattile. Le altre informazioni? Ben vengano nell?etichetta, ma quel che conta innanzitutto è l’impatto sensoriale. L?ortofrutta è finita questa settimana sotto i riflettori delle cronache dopo l?entrata in vigore del decreto che inasprisce le multe per chi non espone le indicazioni previste dalla normativa europea: l?origine, la varietà e la categoria dei prodotti. Una normativa recepita nel nostro Paese già da sei anni, ma non rispettata per gli scarsi controlli. Questi, oggi affidati all
?Ice, dovrebbero passare alle Regioni.

(Visited 20 times, 1 visits today)
superbanner