VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic

Giappone: agrumi italiani in missione

Una delegazione italiana a Tokio ottiene l’adozione di un protocollo sperimentale per le arance rosse fin dal 2002

Una delegazione italiana a Tokio ottiene l’adozione di un protocollo sperimentale per le arance rosse

«A due anni dalla positiva conclusione di un annoso contenzioso che aveva impedito per decenni l’export italiano in Giappone di prosciutto crudo e salumi, passi avanti positivi oggi a Tokyo su un altro tabù decennale, quello dell’export di agrumi nel Sol Levante a causa del pericolo del parassita della ‘mosca mediterranea’. Una delegazione del ministero delle Politiche agricole, hanno reso noto oggi fonti diplomatiche italiane, ha raggiunto un accordo con le autorità giapponesi per l’approvazione di un protocollo sperimentale mirante a dimostrare che le note ?arance rosse? possono arrivare senza il pericoloso parassita. I test avranno inizio in Italia dal prossimo dicembre con la partecipazione di esperti giapponesi e, nel caso si concludessero positivamente, potrebbero aprire le porte del Giappone agli agrumi italiani fin dalla stagione 2002. ” E’ un primo passo di grande importanza – hanno detto le fonti – Non c’è ancora la fine del bando ma si può ragionevolmente sperare che tra un anno o due gli agrumi italiani potranno liberamente entrare in Giappone, un mercato di enormi capacità di sviluppo per l’export italiano del settore. E’ indubbio che un grosso contributo ai passi avanti è arrivato anche dalla rinnovata attenzione creata dall’Anno dell’Italia in Giappone”. La delegazione italiana, che era guidata dal consigliere diplomatico del ministero degli esteri Mario Vattani, ha espresso “grande soddisfazione” per la positiva conclusione di questa prima fase della trattativa, sostenuta da tempo dall’Ambasciata d’Italia in Giappone e dall’Istituto per il commercio estero (Ice) di Tokyo, e ha reso noto che il Giappone si attende una visita ufficiale in Giappone per la prossima primavera del ministro delle Politiche agricole Giovanni Alemanno. La delegazione ha aggiunto che il negoziato sulle esportazioni in Giappone di agrumi italiani potrebbe in prospettiva sbloccare anche la situazione per quanto riguarda kiwi, pere, mele e uva da tavola.» (notizia tratta dal sito di Slow Food).

(Visited 18 times, 1 visits today)