VOG_superbanner mobile_13mag-2giu_2024
Giga_top news_13mag-9giu_2024
In sintesi

Prugne secche: un nuovo studio rivela le loro virtù

Avatar
Autore Redazione

Il loro consumo può ridurre i marcatori dell’infiammazione e gli effetti della perdita della densità ossea nelle donne in post menopausa

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica “The Journal of Nutrition” dimostra che il consumo quotidiano di prugne secche può ridurre i marcatori dell’infiammazione, che hanno un effetto negativo sui sistemi regolatori dell’osteogenesi, e ridurre gli effetti della perdita della densità ossea nelle donne in postmenopausa.

La ricercatrice Mary Jane De Souza, docente del Dipartimento di Kinesiologia della Pennsylvania State University, spiega: “La perdita di densità ossea è un problema significativo che colpisce più del 50% delle donne di età superiore ai 50 anni e non esiste una cura. I farmaci e le terapie ormonali sono disponibili, ma spesso richiedono un trattamento prolungato nel tempo e comportano dei rischi. È importante capire meglio come gli approcci non farmacologici, come lo stile di vita e le scelte alimentari, possano influire sulla progressione e sull’attenuazione della perdita di densità ossea”.

I risultati del nuovo studio mostrano una significativa riduzione delle citochine infiammatorie, proteine che aiutano a controllare l’infiammazione, e dei monociti attivi, uno dei principali tipi di cellule immunitarie che hanno dimostrato di guidare la risposta infiammatoria cronica, quando si includono nella dieta da 50 a 100 grammi di prugne secche (circa 5-12 prugne secche) al giorno. In particolare, sono state osservate riduzioni del Tumor Necrosis Factor-α in seguito all’assunzione di 50 grammi di prugne secche al giorno e riduzioni delle secrezioni di Interleuchina-1β, Interleuchina-6, Interleuchina-8 e dei monociti attivati con l’assunzione di 100 grammi di prugne secche, rispetto alle diete senza prugne secche.

La coautrice dello studio, Connie Rogers, capo del Dipartimento di Scienze Nutrizionali dell’Università della Georgia, aggiunge: “Questi risultati possono essere attribuiti all’abbondanza di composti bioattivi presenti nelle prugne secche, tra cui vitamine, minerali, acidi fenolici e polifenoli, che probabilmente agiscono sinergicamente per sopprimere i monociti attivi e la loro secrezione di citochine infiammatorie che causano il riassorbimento dell’osso”.

Si tratta di uno studio complementare di una ricerca più ampia, monocentrica, a bracci paralleli, randomizzato e di controllo della durata di 12 mesi (studio Prune). Lo studio Prune mirava a esplorare i marcatori immunitari, infiammatori e di stress ossidativo correlati agli effetti protettivi delle prugne secche sulle donne in postmenopausa non fumatrici e non gravemente obese, di età compresa tra i 55 e i 75 anni, che si erano astenute da integratori fenolici o da grandi quantità di frutta contenente fenoli (mele e mirtilli) per almeno 2 mesi prima dell’inizio dello studio. L’indagine è stata completata da 183 partecipanti, suddivisi in tre gruppi: nessuna prugna secca (n=70), 50 grammi di prugne secche al giorno (n=67) e 100 grammi di prugne secche al giorno (n=46). Dopo un periodo di prova, i partecipanti hanno seguito il protocollo delle prugne secche per un totale di 12 mesi e sono stati istruiti a registrare i giorni e il numero di prugne secche consumate in un diario giornaliero, utilizzato per monitorare la conformità. I partecipanti sono stati considerati conformi nel caso in cui abbiano consumato più dell’80% del trattamento prescritto: sulla base di questo criterio, tutti i partecipanti sono risultati conformi, poiché hanno consumato più del 90% del trattamento prescritto.

Le misure dei marcatori immunitari, infiammatori e di stress ossidativo sono state effettuate al livello basale e alla fine dell’intervento di 12 mesi. Oltre ai protocolli di assunzione delle prugne secche, tutti i partecipanti hanno ricevuto una dose giornaliera di calcio e vitamina D3 per bilanciare l’apporto dietetico raccomandato di 1200 mg di calcio e 800 UI di vitamina D3 al giorno dalla dieta e dagli integratori, e hanno seguito una dieta libera.

De Souza aggiunge: “Questi risultati si aggiungono a un crescente numero di ricerche e interessi che indagano sul ruolo del ‘cibo come medicina’ e completano altri studi che ho condotto utilizzando gli stessi dati. Per esempio, lo studio precedente che ho condotto ha mostrato connessioni tra l’integrità dell’osso dell’anca e il consumo giornaliero di prugne secche: le donne in post menopausa che non mangiavano prugne secche perdevano l’1,5% della densità ossea dell’anca rispetto alle donne che mangiavano 5-6 prugne secche al giorno. Nel complesso, questi risultati hanno una notevole importanza pratica, data la prevalenza della perdita ossea in questa popolazione”.

Donn Zea, executive director del California Prune Board, conclude: “Il nostro investimento nello studio Prune ha portato a molte pubblicazioni importanti e a nuove scoperte che possono contribuire a migliorare la salute pubblica e la consapevolezza del ruolo che gli alimenti possono svolgere nella prevenzione e nella gestione delle malattie. Siamo estremamente impegnati nel rigore scientifico del nostro programma di ricerca sulla nutrizione, che ci permette di comunicare come il consumo di Prugne della California possa avere un effetto sui risultati di salute”.

Con circa 100 calorie, una porzione di 4-6 Prugne della California è un superfood ricco di nutrienti che fornisce più di 20 vitamine, minerali e composti vegetali diversi alla dieta. Essendo un frutto secco di qualità superiore apprezzato a livello globale, la ricerca sui benefici per la salute delle Prugne della California contribuisce a una migliore comprensione del loro ruolo come strumento dietetico per promuovere la salute e potenzialmente ridurre il rischio di malattie croniche.

Fonte: California Prune Board

(Visited 79 times, 1 visits today)
superbanner