Pink Lady_top news_10-23giu_2024
Retail

Nova Coop: “Nel 2023 +3% le vendite, utile netto supera 28 milioni”

Avatar
Autore Redazione

Dalle Rive: “Abbiamo difeso le quote di mercato proseguendo nell’azione di sviluppo ed efficientamento”

Nova Coop avvia le assemblee dei soci per l’approvazione del bilancio civilistico e consolidato 2023, alle quali possono partecipare i circa 583mila iscritti, presentando risultati nettamente positivi, con vendite lorde dell’intera rete commerciale in crescita del 3,07% a un miliardo e 194 milioni e con un utile netto di 28,39 milioni.

Il patrimonio netto, alla fine del 2023, ammonta a 852 milioni e 462mila euro con un incremento di oltre 30 milioni sull’anno precedente.

“In un anno non semplice da affrontare per via degli aumenti dei costi di gestione ancora determinati dai processi inflattivi – commenta il presidente di Nova Coop Ernesto Dalle Rive – abbiamo confermato la buona governance che distingue la nostra cooperativa e la rende da tempo una delle realtà più performanti del sistema Coop. Abbiamo difeso le quote di mercato nell’area in cui operiamo, proseguendo nell’azione di sviluppo ed efficientamento della rete commerciale, di rafforzamento patrimoniale e confermando una forte propensione all’innovazione, sia sotto il profilo dell’offerta commerciale sia nel rapporto con i territori che ci ospitano. Tutto questo mentre rilanciavamo l’impegno in difesa del potere di acquisto di Soci e consumatori, scegliendo di assorbire direttamente parte dei rincari che hanno caratterizzato i beni di largo consumo, e mentre proseguivamo con le nostre attività sociali, in coerenza con l’obiettivo di concentrare sul binomio salute-sicurezza gli sforzi per poter davvero rappresentare un elemento di valore aggiunto per i nostri clienti”.

Nel 2023, le vendite della rete tradizionale di supermercati e ipermercati hanno pesato sui ricavi per un importo di un miliardo e 67 milioni, realizzando una crescita sull’anno precedente del 3,85 per cento. A rete assoluta la Cooperativa registra un aumento degli scontrini battuti (+4,12%) e una lieve flessione dello scontrino medio (-0,26%). Questi ultimi aspetti sono segnali del ritorno del consumatore alle abitudini di acquisto del passato, registrato anche nella ripresa dei volumi di attività dei punti ristoro presenti nei negozi.

Il carrello della spesa si è riempito di 72 milioni di prodotti a marchio che, da soli, hanno rappresentato oltre il 32% delle vendite in quantità. Il 2023 è stato segnato dall’inserimento di una nuova linea di prodotti a marchio sviluppata appositamente per rispondere alla crescente domanda di forte convenienza e di sostegno al potere di acquisto delle famiglie, a cui Coop è da sempre sensibile. Un sostegno ai Soci della Cooperativa è arrivato anche dai 108 milioni di euro di sconti complessivi di cui hanno potuto usufruire, per tramite di promozioni mirate, offerte dedicate e punti catalogo.

Oltre 111 milioni sono stati realizzati dalle quattro stazioni di carburante a marchio Enercoop mentre le piattaforme di vendita online hanno totalizzato più di 11 milioni, con oltre 104mila spese digitali completate in un anno su Coopshop.it, piattaforma che è arrivata a servire oltre un terzo dei comuni piemontesi con le sue diverse soluzioni di consegna.

A livello di gestione finanziaria, grazie alla quale sono stati generati utili per un valore di 17,8 milioni di euro, i rendimenti ottenuti sono il frutto di un mix tra la presenza in portafoglio di titoli con un buon livello di rendimento e dei risultati generati dalla gestione attiva del portafoglio. 

La Cooperativa ha continuato ad ampliare e ammodernare la rete di vendita, con oltre 19 milioni di investimenti complessivi: in particolare è stato inaugurato il nuovo punto vendita di Alpignano (Torino) e ha debuttato a Torino un nuovo format urbano di vicinato con l’apertura di due punti vendita di proprietà in quartieri di forte transito e densità commerciale; importanti interventi di ristrutturazione hanno coinvolto il punto vendita di Alessandria e l’Ipercoop di Beinasco. 

Per quanto riguarda l’occupazione, l’anno si è chiuso con un organico di 4.629 dipendenti, confermando la propensione a privilegiare rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Circa il 99% dei lavoratori in organico è infatti assunto con una forma di occupazione stabile (contratto a tempo indeterminato o apprendistato), di questi sono 231 i nuovi contratti attivati nel 2023. Ai dipendenti e ai loro familiari sono stati riservati circa 800mila euro di sconti sulla spesa mentre, tramite il piano di welfare aziendale, hanno potuto godere di risparmi complessivi per un milione e 450mila euro per fruire di servizi quali assistenza e cura domestica, percorsi di aiuto allo studio, campagne medico pediatriche, bonus asilo nido e borse di studio per i figli dei dipendenti frequentanti un percorso di secondaria superiore o l’università.

Il rapporto con i territori è un elemento qualificante per l’attuazione degli scopi sociali della Cooperativa e concretizzarne la distintività. Avviene tramite iniziative sociali, sviluppo di politiche per le giovani generazioni, azioni di solidarietà territoriale e altre attività ancora, per entrare in relazione con chi, al di fuori dei negozi, promuove iniziative in sintonia con i temi e i valori della cooperazione. Nel 2023 con il progetto Coop per la scuola sono stati distribuiti materiali scolastici per un valore di quasi 560 mila euro agli istituti piemontesi di ogni ordine e grado mentre 12.665 studenti hanno partecipato alle iniziative gratuite di Saperecoop sull’educazione al consumo consapevole. Nell’ambito della riduzione degli sprechi alimentari, il progetto Buon fine ha permesso di recuperare prodotti non più vendibili ma ancora consumabili per un valore di quasi otto milioni, corrispondente a un milione 385mila pasti offerti gratuitamente a persone in condizioni di difficoltà economica.

A fine anno erano 86.394 i soci prestatori della Cooperativa, con un’incidenza percentuale sulla base sociale totale del 14,82 per cento. L’indice del rapporto tra prestito raccolto e patrimonio della cooperativa, alla fine del 2023, è di 0,79, un dato nettamente inferiore a tre che corrisponde al tetto massimo previsto per legge. Questo dato racconta della posizione di forte solidità di Nova Coop.

Il bilancio consolidato 2023 del Gruppo Nova Coop, che include i fatturati della cooperativa e quelli delle sue principali controllate Nova Aeg e Sviluppo Dora, registra un valore complessivo della produzione consolidata pari a due miliardi e 261 milioni, con un utile netto consolidato di 28,39 milioni.

Come partecipare al voto

Quest’anno è possibile votare sui punti all’ordine del giorno delle assemblee dei soci scegliendo tra tre differenti modalità: esprimere il voto su tablet, dal 20 al 26 maggio, in qualsiasi punto vendita di Nova Coop (esclusi Fiorfood e i negozi Incoop); partecipare alle 21 Assemblee separate dei presidi soci Coop, in programma dal 27 maggio all’8 giugno compresi; spedire il modello di voto compilato, via pec o raccomandata a/r entro i termini di voto della propria assemblea. Maggiori dettagli, assieme all’ordine del giorno e ai materiali informativi, sono consultabili sul sito www.novacoop.it. Il voto permetterà anche di scegliere i soci delegati a partecipare all’assemblea generale, in programma a Stresa (Verbania) il prossimo 22 giugno.

Fonte: Nova Coop

(Visited 71 times, 1 visits today)