Reparto Ortofrutta

Frutta e verdura: local e ad alto contenuto di servizio è meglio per i consumatori americani

OrtofruttaUSA

I supermercati continuano e rimanere luogo preferito per acquisti di ortofrutta, non così per i millenials però. Fondamentale diversificare l’offerta anche per tipologie consumo

Fornire un’offerta che contempli non solo la presenza di prodotti biologici, ma anche coltivati localmente, e ad alto contenuto di servizio. Sono alcuni dei consigli presenti nell’ultima edizione dello studio “The Power of Produce” redatto negli Stati Uniti dal Food Marketing Institute.

Dallo studio emerge come i supermercati continuino a rimanere il canale distributivo preferito dove acquistare freschi e freschissimi, ortofrutta in particolare, anche se meno per i più giovani. I millenials, infatti, diversificano maggiormente gli acquisti di frutta e verdura in canali alternativi ai supermercati, scegliendo piattaforme on line, mini-market, mercati contadini.

Tra le preferenze dei consumatori emerge come il 53% desideri un assortimento più ampio di frutta e verdura coltivate localmente, anche se bisogna essere coerenti con il termine”locale”: secondo gli intervistati si intende un’azienda che produce in un raggio di circa 150 km dal punto vendita. Fondamentale è anche adattare frutta e verdura alle diverse occasioni di consumo: il 36% dei consumatori intervistati ha dichiarato di mangiare prodotti freschi circa tre volte alla settimana ma anche meno e vorrebbero includerli più frequentemente nei pasti o negli snack, da qui l’acquisto di frullati vegetali o di frutta e di estratti.

In conclusione, secondo lo studio bisogna è possibile convincere i consumatori a “spendere di più invece che comprare di più“. Come? Creando offerte a grande valore aggiunto che contemplino, come detto, prodotti biologici e locali, ma al tempo stesso diano importanza alla comunicazione, raccontando le caratteristiche del prodotto, l’azienda agricola in cui è stato coltivato, come usare il prodotto, le sue proprietà nutrizionali. Tutti fattori che aumentano una sorta di “effetto scoperta” da parte del consumatore che si dimostra certamente positivo.

Scrivi un Commento