Politiche agricole

Eurodeputati: estendere di un anno i programmi dei fondi Ue

Redazione
Autore Redazione

Per evitare che i ritardi nei negoziati sul bilancio 2021/27 portino al blocco dal primo gennaio 2021

Garantire una rete di protezione per i beneficiari dei programmi Ue, da Erasmus+ e Horizon 2020 ai fondi strutturali, per evitare che i ritardi nei negoziati sul bilancio comunitario 2021-27 (Qfp) possano determinare un’interruzione di tutti i programmi dal primo gennaio del prossimo anno.

E’ questa la richiesta avanzata alla Commissione Ue dai negoziatori del Parlamento Ue sul Qfp. Dopo il fallimento del Consiglio europeo di febbraio e l’attuale emergenza coronavirus, “esiste il rischio tangibile che il prossimo Qfp non sia approvato in tempo per entrare in vigore il primo gennaio 2021 e che non ci sarà una transizione senza intoppi fra i bilanci 2014-20 e 2021-27″, recita la bozza di risoluzione che dovrà ora essere votata dalla commissione Bilanci e poi dalla plenaria del Parlamento europeo.

I relatori chiedono all’esecutivo di agire anche in base all’impegno della presidente von der Leyen di avanzare una proposta legislativa ogni volta lo domanderà la maggioranza. La proposta è estendere di un anno gli attuali programmi europei fornendo loro un bilancio aggiuntivo valido solo per il 2021, e calcolato in maniera automatica sulla base del Qfp attuale.

L’attuale Qfp vale l’1,16% del Reddito nazionale lordo dell’Ue a 27 (circa mille miliardi). La Commissione ha proposto l’1.11% per il 2021-27, il Parlamento vorrebbe l’1,3%, mentre i Paesi non hanno ancora raggiunto una posizione comune.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Scrivi un Commento