Cultiva_SUPERbanner_3-9ott
Interpoma_topnews_26set-16ott

L’anguria reggiana vuole l’Igp

Un’assemblea pubblica a Mancasale per promuovere il prodotto

Venerdì 25 febbraio, si è tenuta un’assemblea pubblica dei produttori di anguria reggiana a Mancasale, sede dei Servizi agricoltura della Provincia di Reggio Emilia. L’Assessorato provinciale all’Agricoltura, infatti, sta lavorando insieme all’Associazione dei produttori ad una sperimentazione per qualificare il prodotto tipico con l’Igp, un marchio in grado di certificare la reputazione storica della bontà dell’anguria: sana, genuina e, soprattutto, coltivata con tecniche sostenibili dal punto di vista ambientale. I relatori fra cui Ivan Bartoli, presidente dell’Associazione di produttori dell’anguria reggiana, Cristina Piazza dell’azienda sperimentale Stuard, e Francesco Zambreri, esperto nell’assistenza tecnica in ortofrutticoltura hanno confermato gli avanzamenti del progetto, gli obiettivi futuri ma soprattutto la necessità di far fare un salto di qualità all’anguria reggina. Il progetto di sperimentazioni sull’analisi fisico-chimica delle produzioni reggiane di anguria è iniziato nel 2008 in collaborazione con l’Università di Ferrara e Iter, specializzata nella valutazione dei terreni. La possibilità di ottenere il marchio europeo di Indicazione geografica protetta (Igp) prevede almeno tre anni di sperimentazione.

(Visited 14 times, 1 visits today)
superbanner