Interpoma_topnews_26set-16ott

Patata emiliana, accordo tra produttori e commercianti

Per il 2010 – 2012, 100.000 tonnellate saranno vendute al prezzo fissato dalla Borsa Patate

Garantire qualità di prodotto ai consumatori ma anche giusta remunerazione ai produttori. In questo senso è stato siglato alla fine della scorsa settimana a Bologna, sotto l’egida della Regione, un accordo triennale tra i rappresentanti dei principali produttori di patate dell’Emilia Romagna (le organizzazioni Appe e Assopa) e le associazioni Fruitimprese e Ascom. In base a quest’accordo, che fa seguito a quello 2007/2009 e ha validità dal 2010 al 2012, i produttori cederanno circa 100.000 tonnellate di patate (pari al 45% della produzione regionale) a un prezzo fissato dalla Borsa Patate di Bologna. Come contraltare, le caratteristiche qualitative del prodotto conferito dovranno essere conformi alle normative del disciplinare regionale di produzione integrata “Qualità controllata”. L’assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, ha commentato: “L’iniziativa propone un modello di relazione tra i protagonisti della filiera che dovrà essere la bussola dei prossimi anni”.

(Visited 12 times, 1 visits today)