webinar_pomodori_topnews_27/06-04/07

La Spagna boicotta il Marocco

Chiusi servizi sanitari e doganali per il periodo delle festività di fine anno

Le esportazioni marocchine risultano “indesiderate” per le feste di fine anno. La Spagna ha deciso di chiudere completamente i servizi sanitari e doganali i giorni 24,25,31 dicembre, capodanno e 5,6 gennaio creando un serio problema agli esportatori marocchini. Sono ancora una volta i prodotti agricoli che ne hanno sofferto di più, con generi alimentari che sono rimasti bloccati molti giorni nei porti della penisola iberica.

Per il secondo anno consecutivo la Spagna, principale porto d’accesso al mercato europeo ha chiuso le porte al Marocco. Questa decisione viene considerata dalla maggior parte degli esportatori marocchini come un grave ostacolo al commercio, sapendo che il 90% dell’esportazioni agricole nazionali verso l’Unione europea passano per lo stretto di Gibilterra, gli spagnoli hanno preso una decisione contraria alla deontologia del commercio internazionale che si profila come la risposta iberica all’accordo agricolo siglato tra Marocco e Unione Europea.

Come afferma Ahmed Azirar segretario generale dell’Associazione marocchina degli esportatori (ASMEX), la Spagna è il primo rivale europeo dei prodotti agricoli del Marocco e sta usando tutte le armi per preservare una posizione concorrenziale nei confronti degli esportatori marocchini. Il periodico economico marocchino L’Economiste si domanda in che misura la Spagna tenga in considerazione le regole della concorrenza leale.

© Fruitecom

(Visited 28 times, 1 visits today)