vog_topnews_07set-02nov
Ingrosso

Pere Abate e Alternaria: prezzi all’ingrosso in crescita

Redazione
Autore Redazione

Secondo Bmti e Italmercati i prezzi risultano sopra la media stagionale. Il fungo ha provocato danni alla qualità e all’estetica dei prodotti

I prezzi all’ingrosso delle pere Abate risultano al di sopra della media stagionale.  Già nel 2019 si era verificata la stessa situazione a causa però dei danni provocati dalla cimice asiatica; quest’anno è l’Alternaria a determinare il rialzo per i danni alla qualità e all’estetica di buona parte della produzione. Al momento, uno dei probabili motivi dello sviluppo di questo fungo che ha colpito prevalentemente le pere Abate, soprattutto romagnole, è il cambiamento climatico con il conseguente aumento delle temperature.

Nello specifico, nello stesso periodo del 2018 si registrava un prezzo all’ingrosso medio di 1,48 euro/kg per il prodotto romagnolo di calibro maggiore, nel 2019 il prezzo medio arrivò a 1,85 euro/kg e oggi nei mercati all’ingrosso è di 1,73 euro/kg (+16,19% rispetto al 2018). I dati sono elaborati da Borsa merci telematica italiana (Bmti) sulle rilevazioni effettuate nei mercati all’ingrosso appartenenti alla Rete di imprese Italmercati.

Ecco la tabella dei prezzi

(Visited 31 times, 1 visits today)