Ortomad_Superbanner mobile_30gen-5geb_2023
Syngenta_top news_16gen-5feb_2023
DOLE_top news 2_16gen-19feb_2023
In sintesi

Selenella conferma l’impegno in ricerca e innovazione

Avatar
Autore Redazione

Focus su elateridi, irrigazione, concimazioni e approccio integrato

Lo scorso giovedì 15 dicembre si è tenuto l’incontro La pataticoltura emiliano-romagnola: nuove sfide, l’appuntamento promosso da Selenella – Consorzio patata italiana di qualità, AgriPat e Cepa, con la supervisione scientifica del Servizio fitosanitario della Regione Emilia-Romagna.

Un evento ampiamente partecipato, occasione di dialogo su criticità e opportunità per questa coltivazione di primaria importanza per il territorio. Tema centrale dell’evento la rendicontazione delle attività sperimentali di controllo e difesa dagli elateridi, il cui contrasto rimane una priorità per il Consorzio, che prosegue con determinazione il proprio impegno con l’obiettivo di contenere i danni causati dal parassita.

Prove sperimentali interessanti

In linea con gli incontri degli anni precedenti, i relatori delle aziende coinvolte hanno presentato i risultati delle prove sperimentali. Il Consorzio nel 2022 ha proseguito con i protocolli già in essere, che avevano dato esiti positivi nelle prove in laboratorio. Tuttavia, nonostante alcune oggettive potenzialità, non si rinvengono attualmente soluzioni definitive. Vari gli ambiti del lavoro messi in discussione: irrigazione, concimazione e sistemi agronomici integrati. Punto fermo del dibattito rimane la necessità di un approccio sinergico al problema, da cui l’importanza di questi momenti di confronto. 

“Siamo orgogliosi della sentita partecipazione a questo appuntamento annuale, finalmente tornato in presenza – sottolinea Massimo Cristiani, presidente di Selenella – Consorzio Patata Italiana di Qualità. Da anni il settore pataticolo affronta sfide di assoluto rilievo su più fronti, una su tutte il cambiamento climatico, i cui risvolti concreti alterano gli equilibri tradizionali di questa coltivazione e ci chiamano a una revisione dell’approccio al lavoro. Il Consorzio non si sottrae a questa necessità e invita ancora una volta i professionisti del territorio a riunirsi per dialogare su metodi e tecniche, in particolare per quanto riguarda il contrasto agli elateridi”.

All’incontro di giovedì scorso hanno partecipato Massimo Cristiani, Martina Bruni e Giacomo Accinelli (Selenella – Consorzio Patata italiana di Qualità), Giorgio Ugolini (Consorzio Agrario di Ravenna), Paolo Bai (Romagnoli F.lli Spa), Fiorenzo Pasquali (Yara Italia), Martino Marin (Terremerse Soc. Coop), Riccardo Sartoni (Agronomica Pizzoli). A moderare l’incontro Raffaella Quadretti, direttrice eesponsabile di myfruit.it.

A chiudere i lavori l’intervento di Massimo Bariselli del Servizio fitosanitario Regione Emilia-Romagna, che ha constatato come in effetti non sia ancora disponibile un prodotto o una tecnica risolutiva per contrastare gli elateridi, e che proprio per questo è necessario adottare un approccio strategico integrato sul piano delle pratiche agronomiche, che riunisca e valuti nel complesso tempi e modalità della coltivazione. Al contempo, ha ribadito il valore della divulgazione e della collaborazione, con il supporto e il coinvolgimento delle istituzioni, attive grazie a un tavolo nazionale che riunisce i massimi esperti.

Fonte: Selenella

(Visited 27 times, 1 visits today)
superbanner