Syngenta_top news_16gen-5feb_2023
DOLE_top news 2_16gen-19feb_2023
In sintesi

Il Bettolino: erbe aromatiche tra sostenibilità e bio

Avatar
Autore Redazione

Impegno ambientale con nuovi packaging eco, per la coop sociale con il 40% di lavoratori svantaggiati

Dall’autunno 2021 sugli scaffali della Gdo, le Aromatiche “Questo l’ho fatto io” della Cooperativa sociale Il Bettolino di Reggiolo (Reggio Emilia), socia del Consorzio Agribologna.
Aromatiche fresche, pronte per l’utilizzo in cucina, nel segno della sostenibilità, con un nuovo packaging in cartone, in vassoi da 25 grammi e del sociale, perché prodotte da un team di oltre 60 soci lavoratori, composto per circa il 40% da persone con fragilità. Erbe aromatiche sostenibili o biologiche, ma anche floricultura, servizi ambientali e altro ancora, testimonianza di impegno nel sociale, dalle origini della Cooperativa ad oggi.

La Cooperativa

Nata nel 1989 e attiva in otto comuni della provincia di Reggio Emilia, la Cooperativa sociale Il Bettolino è dal 2016 socia del Consorzio Agribologna. Il 2021 si chiude con risultati e novità importanti per la Cooperativa. Nonostante le difficoltà dettate dalla pandemia, che ha costretto per diverso tempo a casa gran parte dei lavoratori, perché in condizioni di fragilità, restano positivi i dati relativi al 2020, con un valore della produzione pari a oltre 3 milioni di euro, e proiezioni in nuovo incremento per il 2021.

Al centro della produzione, il basilico, aromatica di ampia commerciabilità, che Il Bettolino produce tutto l’anno, destinandolo a Gdo, ristorazione collettiva e industria. Un basilico di prima qualità, coltivato dedicando grande attenzione all’ambiente con la tecnica – di cui la Cooperativa è stata fra i pionieri in Italia – del floating system (tecnica idroponica). In vasche di calcestruzzo riempite con acqua e soluzioni nutritive, vengono adagiati plateaux di polistirolo – riutilizzabili – su cui viene seminato il basilico, permettendo alle radici di entrare in contatto con acqua e soluzioni nutritive e la crescita della pianta. Al centro del ciclo produttivo, le serre riscaldate, all’interno della discarica intercomunale, che sfruttano il gas prodotto dai rifiuti, per convogliarlo all’interno dei motori dedicati a produrre energia elettrica e acqua calda. Il Bettolino è certificato Iso 14001 (Certificazione volontaria per la gestione ambientale), e può vantare coltivazioni a lotta integrata, che non prevedono l’uso di pesticidi. Grazie ai 10mila metri quadrati di serre riscaldate 365 giorni l’anno, sono oltre 60mila i chili di basilico prodotto nel 2020 dalla cooperativa, in ulteriore incremento per il 2021.

Impegno sociale e ambientale vanno da sempre di pari passo per il Bettolino. Il recupero della dignità sociale, attraverso il lavoro, è la nostra missione. Poterlo fare in un contesto e con delle metodiche di grande attenzione e cura per l’ambiente, in cui possiamo dire di essere stati fra i pionieri, è per noi una necessità. Per i consumatori, i nostri partner e il territorio è la garanzia di un impegno che intendiamo ulteriormente sviluppare, fra l’altro, con l’implementazione di sempre nuove colture biologiche – spiega Francesca Benelli, presidente della cooperativa – Il lockdown ha rappresentato un momento di grande difficoltà per noi. Gran parte dei nostri lavoratori, date le condizioni di fragilità, è dovuto restare a casa. La ristorazione collettiva, fra i nostri clienti più consolidati, ha molto sofferto. Ma abbiamo tenuto duro, guardiamo avanti, con sempre nuovi obiettivi e progetti: il bio in incremento, nuove attività di comunicazione e una nuova coprogettazione con l’Unione dei Comuni, per continuare a offrire possibilità alle persone con fragilità, soprattutto ai ragazzi e alle ragazze in uscita dalle scuole superiori”.

Oltre al basilico, Il Bettolino ha all’attivo produzioni di rosmarino, salvia, alloro, maggiorana, origano, menta, erba cipollina, prezzemolo e timo: la linea Aromatiche “Questo l’ho fatto io”. Dal 2019, ha iniziato a convertire le proprie coltivazioni al biologico, previsto in incremento dal 2022.

“È motivo di orgoglio, per noi di Agribologna, poter contare su un socio come la Cooperativa sociale Il Bettolino: solidarietà, condivisione, integrazione e sostenibilità sono valori che Agribologna condivide e incentiva – è il commento di Angelo Palma, direttore generale di Agribologna e Conor – Sapere che le nostre aromatiche siano prodotte offrendo a persone svantaggiate un percorso lavorativo e di crescita personale, in un contesto da sempre attento all’ambiente, fa parte integrante del nostro essere squadra, impegnata a garanzia dei lavoratori, dei consumatori e dei territori”.

Fonte: Agribologna

(Visited 104 times, 1 visits today)