Carton_Pack_topnewsgenerali_04/07-18/07
In sintesi

Le eccellenze del Veneto in collettiva a Macfrut 2021

veneto macfrut 2021
Avatar
Autore Redazione

Una rappresentazione colturale e culturale di un sistema ortofrutticolo efficiente, sostenibile e legato al territorio

Opo Veneto si presenta al Macfrut di Rimini, Pad. B5 – Stand 035, con una collettiva di prestigio.

Un grande spazio centrale, area Veneto, allestito con materiali ecosostenibili, offrirà una suggestiva immagine della campagna veneta. Una vetrina luminosa con i più prestigiosi e importanti prodotti, dentro la quale sono allestiti eleganti angoli di lavoro per accogliere gli operatori che esigono prodotti tipici e garantiti, 100% Italiani.

Partner della collettiva Veneto sono i Consorzi di tutela Radicchio rosso di Treviso Igp e Radicchio variegato di Castelfranco Igp, Radicchio di Chioggia Igp, Aglio bianco Polesano Dop, Insalata di Lusia Igp, Asparago bianco e verde di Badoere Igp, la Società Agricola Mancon con la gamma dei funghi e baby leaf, Top’s “il bio topinambur” e Carioni con la sua gamma di prodotti 100% da agricoltura biologica. Special guest, La Giardiniera di Morgan con le croccanti e golose verdure prodotte da aziende agricole socie Opo Veneto.

Durante la fiera lo staff di Verde a NordEst realizzerà dirette streaming con i protagonisti Macfrut per poi trasmetterle in tutto il territorio del Nord Italia con il settimanale televisivo in onda sulle più importanti emittenti tv regionali. Accoglieranno gli ospiti il presidente Adriano Daminato, la responsabile commerciale Susanna Vaccarone, orticoltori soci ed i coordinatori di settore di Opo Veneto.

A Rimini, dunque, l’Op si presenta da protagonista con la varietà e la qualità dei suoi prodotti, offrendo una rappresentazione colturale e culturale di un sistema ortofrutticolo efficiente, sostenibile e legato al territorio. Il racconto di prodotti sani e tipici che “fioriscono” su un suolo di elevata qualità ambientale.

Radicchio di Treviso Igp: via alla nuova stagione ed un prodotto a residuo zero

Alla fiera internazionale dell’ortofrutta, nuovamente in presenza, il Consorzio di tutela del Radicchio Rosso di Treviso Igp e Variegato di Castelfranco Igp arriverà con un prodotto freschissimo che sarà il primo della nuova stagione produttiva 2021-22. Parte, infatti, dal primo settembre la raccolta della varietà precoce del radicchio di Treviso Igp, dal primo ottobre al via la stagione del Variegato di Castelfranco Igp mentre della pregiata varietà tardiva, dal primo novembre, sarà avviata con un importante convegno che affronterà temi quali il rapporto tra salute è caratteristiche del territorio di produzione alla presenza di autorevoli relatori del mondo universitario e della nutrizione.

Quella di Rimini sarà anche la cornice ideale per tirare le somme della scorsa annata, insolita a causa delle prolungate chiusure del canale horeca, che ha visto la produzione in crescita di circa l’8% per il Radicchio Rosso di Treviso Igp, rispetto all’annata 2019-20, e una sostanziale invarianza del Radicchio Variegato di Castelfranco Igp.

Non mancano inoltre le novità per produttori e consumatori grazie all’entrata in vigore, con il primo aprile 2021, delle modifiche al disciplinare di produzione per il Radicchio Rosso di Treviso Igp, le quali consentono di anticipare al 20 ottobre di ciascun anno la data di inizio della raccolta per la tipologia tardiva; altri aspetti importanti rispetto alle modifiche ottenute, riguardano la maggior flessibilità data al packaging e permettere così di dare spazio sia alle esigenze di una distribuzione moderna che ai creativi che si occupano di comunicazione per le aziende confezionatrici, e l’adeguamento alle mutate esigenze agronomiche della coltura..

“I prodotti Igp rappresentano l’identità di un territorio, denotano qualità e sono sempre più presenti nel carrello, serve però pensare al futuro in chiave salutare, mi piacerebbe portare la denominazione verso un prodotto ancora più sostenibile, e quindi a residuo zero – afferma il presidente Andrea Tosatto – ciò darebbe un valore aggiunto alla produzione e incontrerebbe il favore dei consumatori; per le stesse Gdo sarebbe un plus non trascurabile nel mercato” e prosegue “la sfida rimane sempre quella di sensibilizzare il consumatore a riconoscere la qualità e non fermarsi al prezzo, il Radicchio Igp è sicuramente un prodotto di nicchia e come tale deve essere un’eccellenza in tutti i mercati”.

Una denominazione che guarda al domani e lo fa anche attraverso il prodotto trasformato, grazie al nuovo regolamento adottato dal consiglio di amministrazione in concomitanza con un piano di verifica interna dell’entità del fenomeno rispetto alle oltre 200 diverse etichette autorizzate dal consorzio in questi ultimi anni.

Fonte: Opo Veneto – Radicchio di Treviso Igp

(Visited 83 times, 1 visits today)