sorma_topnews_02nov-14dic
In sintesi

Arancia Rosaria: sarà una campagna all’insegna della sostenibilità

Redazione
Autore Redazione

L’Op raccoglierà e commercializzerà arance biologiche. Al via l’uso delle api impollinatrici negli agrumeti

La campagna 2020/21 di Op Arancia Rosaria e del Gruppo Pannitteri sarà all’insegna della sostenibilità. Da tradizione, la campagna siciliana si apre con il primo raccolto delle varietà bionde precoci subito dopo la festa dell’Immacolata dell’8 dicembre per poi entrare nel vivo fino alla raccolta delle famose varietà rosse, a partire dal Tarocco.

Parola chiave sostenibilità, perché per il secondo anno l’Op raccoglierà e metterà in commercio arance biologiche; ma anche per gli effetti benefici sulla produzione di un utilizzo sempre più importante delle api impollinatrici negli agrumeti. Le arnie nella passata fioritura sono arrivate ad essere 70, in appezzamenti diversi tra i territori di Fiumazza di Catania e Rotondella di Belpasso di proprietà del Gruppo Pannitteri, e saliranno a 100 e oltre dal prossimo marzo, dislocati in almeno tre diversi siti. Questo grazie alla collaborazione, instaurata da tempo e ora in crescita, tra i Pannitteri e le aziende produttrici di miele della zona, in particolare gli apicoltori di Zafferana Etnea, famosi proprio per la produzione del miele di zagara (parola di origine araba che significa fiore sfavillante, appunto il fiore degli agrumi), considerato un’eccellenza locale.

“Siamo molto contenti di questa collaborazione – afferma Aurelio Pannitteri, presidente di Op Rosaria – e della presenza di alveari nei nostri aranceti anche per tutto l’anno, prova che le api ci vivono bene e dunque della salubrità delle nostre colture nel segno del rispetto della natura e degli stessi consumatori”.
Dopo una campagna pazza come quella passata, tra quantitativi ridotti, forte domanda e prezzi altalenanti, terminata per Op Rosaria con il sold out anticipato di almeno un mese, le previsioni per il prossimo raccolto sono positive, nonostante alcuni impianti colpiti dalla grandine nella tarda estate.

“Ci presenteremo all’appuntamento con il mercato – precisa Pannitteri – con le carte in regola. Avremo quantità e qualità. Nonostante il Covid, la scorsa primavera abbiamo incrementato la quota export dell’Op. Contiamo di crescere ulteriormente sui mercati esteri pur riservando al mercato interno la massima attenzione. Stiamo mettendo a punto gli ultimi dettagli della nuova campagna di marketing, che avrà alcune modifiche rispetto all’anno scorso, ma conterà ancora sulla nostra mascotte, l’elefantino Lio, che si riallaccia alla tradizione catanese e al simbolo della nostra città, u Liotru, appunto l’elefante”.

Per Op Rosaria sarà la 15esima campagna commerciale. Il marchio, infatti, è stato lanciato nella stagione 2005/06. Covid permettendo, non mancherà l’occasione per celebrare degnamente l’anniversario.

(Visited 25 times, 1 visits today)
MYTECH_bottomnews_30ott-08feb