Romagnoli_mobile_16/05-30/05
Aweta_topnewsgenerali_16/05-30/05
Nordovest_topnews_16/05-30/05
In primo piano

Eurospin: frutta e verdura al ribasso

eurospin

Prezzi bassi, redditi agricoli giù ma non è tutta colpa della Gdo. Manca governance globale e troppi fornitori svendono

Al ribasso. Con le offerte dell’ultimo volantino Eurospin (dal 10 al 16 maggio) la frutta e  la verdura viaggiano su prezzi bassi. Sotto l’euro scopriamo i cetrioli (0,99 euro) e la vaschetta da 500 grammi dei pomodori Piccadilly (0,99 euro). Superano l’euro ma con prezzi contenuti, visto il periodo, le pesche noci gialle (1,49 euro), le albicocche (1,99 euro) e gli asparagi (1,49 euro).

Prezzi bassi, redditi agricoli giù

Prezzi troppo contenuti non fanno bene alla filiera. Nel 2020 nel settore agricolo secondo i dati Eurostat sono calati produzione, valore aggiunto, occupati e redditi. Nonostante l’alimentare sia rimasto uno dei pochi settori sempre aperto, pur contando la perdita rilevante dei consumi fuori casa per la chiusura ampia dell’Horeca, i risultati economici non brillano. Anzi. La Coldiretti nei giorni scorsi ha sottolineato, ancora una volta, la necessità di intervenire sulle pratiche commerciali sleali per avere una più equa distribuzione del valore lungo la filiera. Chiaro che non tutti i problemi sono ascrivibili alla Gdo e rimandano a una mancanza di governance generale. Senza dimenticare gli stessi fornitori che spesso svendono la merce.

Siamo lontani (per fortuna) dall’anguria a 1 centesimo di quest’estate o all’Ananas praticamente regalato dell’ultimo Natale, ma si tratta in ogni caso di prezzi che spesso non permettono all’imprenditore agricolo di portare a casa redditività. Senza dimenticare la scarsa educazione al valore del cliente. E’ preferibile non abituare il consumatore  a prezzi  troppo bassi di prodotti così fragili e fondamentali nella nostra economica agricola che sta facendo i conti con una forte concorrenza da Paesi i quali in questi ultimi hanno investito forti risorse nell’agricoltura.

Chi italiano e chi no

Nella presentazione del volantino va riconosciuta a Eurospin la lodevole dichiarazione sull’origine del prodotto con il tondino verde con dentro lo stivale bianco a indicare il made in Italy. Sotto c’è  scritto “100% italiani nel gusto, nella sensibilità, nella storia imprenditoriale. Ma non è ben chiaro se è riferito ai prodotti dell’ortofrutta visto che pesche e albicocche mancano del bollino e, probabilmente, sono di origine straniera.

(Visited 1.625 times, 2 visits today)
superbanner