Sorma_ topnews_11ot- 7nov
Import/Export

Via libera all’export di arance e kiwi italiani in Indonesia

Avatar
Autore Redazione

Simona Rubbi (Cso Italy): “Sbloccata per il kiwi una situazione complicata. Bene la novità arance”

Il ministero dell’Agricoltura dell’Indonesia ha provveduto con apposito decreto ad aggiornare e integrare l’elenco dei prodotti italiani ammessi in Indonesia, inserendo il kiwi e le arance. E’ quanto ha fatto sapere l’Ambasciata d’Italia a Jakarta che ieri ha informato gli organismi italiani coinvolti, tra i quali Cso Italy.

L’elenco completo dei prodotti esportabili in Indonesia da martedì è dunque il seguente: uva, mele, pere, kiwi, arance, oltre a chicchi di caffè, grano e farina di mais. L’export è condizionato al rispetto di alcune condizioni, la principale delle quali è l’ottenimento del certificato di analisi rilasciato dal laboratorio autorizzato, nel quale deve risultare che i limiti di residui e/o contaminanti non siano superiori ai limiti indicati, distintamente per singolo prodotto, in un decreto emesso dalle autorità indonesiane competenti lo scorso 17 maggio.

“La possibilità di esportare arance in Indonesia – commenta Simona Rubbi, responsabile delle relazioni internazionali di Cso Italy – è una novità per il nostro Paese. Per il kiwi, invece, il decreto sblocca una situazione complicata e permette la ripresa delle esportazioni, che erano state impedite, di fatto, dal 1° ottobre 2020 e che fino a quel mese erano state ammesse in via transitoria. Quanto accaduto lo scorso ottobre aveva creato un danno alle nostre esportazioni di kiwi, al punto che il blocco aveva riguardato anche i container già spediti e fatto annullare tutti gli accordi commerciali già presi. Da quel momento sono partite le nostre richieste per la riapertura del mercato. Si sono mossi con estrema sollecitudine il ministero della Salute italiano, la nostra Ambasciata a Jakarta, ai quali va un particolare riconoscimento, ed è stata coinvolta la Commissione europea. Fino a martedì temevamo che potesse andare perduta anche la prossima campagna commerciale del kiwi. Fortunatamente non è così e potremo dare tutta l’assistenza necessaria alle aziende associate che ne facciano richiesta”.

A causa del blocco di ottobre 2020 l’Italia non ha praticamente esportato kiwi nella campagna 2020-21, contro le 563 tonnellate della campagna precedente, comunque lontane dalle 728 della campagna 2015/16.
Soddisfazione per lo sblocco della situazione è stata espressa dal presidente Paolo Bruni, che ha sottolineato il ruolo attivo svolto da Cso Italy per la risoluzione.

Fonte: Cso Italy

(Visited 53 times, 1 visits today)