sorma_topnews_13gen1feb
Eventi

Turismo e ortofrutta: ecco “Gli itinerari del radicchio di Chioggia IGP”

RadicchioChioggiaTurismo
Redazione
Autore Redazione

Sette percorsi che uniscono il famoso radicchio al turismo presente in due aree come la Laguna di Venezia e il Delta del Po. Accordo all’Ortomercato di Chioggia

Sette percorsi destinati al turismo all’interno dell’area di produzione Radicchio di Chioggia Igp, tra le provincie di Padova, Venezia e Rovigo. Con la firma del protocollo di intesa sottoscritto lunedì 9 dicembre all’Ortomercato di Chioggia sono nati ufficialmente “Gli itinerari del radicchio di Chioggia IGP”.

Un’iniziativa unica nel suo genere, che unisce un prodotto ortofrutticolo al turismo legato ad un’area molto attrattiva come quella della Laguna di Venezia e del Delta del Po. Alla firma dell’accordo i rappresentanti di ben 7 realtà operative: il Consorzio di tutela del Radicchio di Chioggia Igp; il Consorzio di promozione turistica Lidi di Chioggia; l’A.S.A. Associazione Albergatori di Chioggia, Sottomarina Lido, Isola Verde; l’Ascot Associazione Operatori Balneari; La società Ortomercato del Veneto e la società di comunicazione Speak Out Srl. L’impegno che tutte le 7 realtà si sono prese è di “portare avanti congiuntamente un programma di azioni progettuali rivolte alla valorizzazione e il sostegno del settore turistico”

I sette percorsi dedicati all’area di produzione del celebre Radicchio sono stati pensati per collegare le principali ciclovie che attraversano l’area tra la Laguna di Venezia e il Delta del Po. Da Ovest raggiungono l’Adriatico la Destra Adige, che collega il centro Europa con Rosolina, la B12 Ciclovia del Po, che dalle foci del grande fiume giunge nella zona meridionale del Delta veneto, la Ciclovia VenTo, che da Torino raggiunge Venezia e attraversa il centro di Chioggia, l’Itinerario Tartaro-Fissero-Canalbianco che dal Medio Polesine raggiunge Porto Levante. Da Nord invece scende il Corridoio Adriatico che da Trieste raggiunge Santa Maria di Leuca in Puglia. 

All’inizio del 2020 sarà pronta la cartina dei sette percorsi, con testi in due lingue, interattiva con il web attraverso dei Qr-Code, nella quale sarà possibile trovare tutti gli itinerari comprensivi di roadmap e schede di presentazione dei siti di interesse storico, architettonico e paesaggistico, nonché le aziende disponibili per una visita e per far conoscere le produzioni connesse al Radicchio di Chioggia Igp e alla sua trasformazione.

(Visited 47 times, 1 visits today)

Scrivi un Commento