Eventi

A Torino il summit mondiale sul kiwi

KiwiConventionTorino
Redazione
Autore Redazione

Dall’8 all’11 settembre la Conferenza dell’International Kiwifruit Organization (IKO). L’Italia e il CSO Italy organizzatore dell’appuntamento che apre ufficialmente la stagione produttiva dell’Emisfero Nord

Si terrà dal’8 all’11 settembre a Torino la 38.ma Conferenza dell’International Kiwifruit Organization (IKO). Quale membro rappresentante per l’Italia, è spettato a CSO Italy l’onore e l’onere di organizzare questo importante appuntamento che, per tradizione, apre ufficialmente la stagione produttiva dell’Emisfero Nord.

Al summit torinese presenzieranno 38 delegati provenienti dai principali Paesi produttori di kiwi su scala mondiale, ovvero Nuova Zelanda, Italia, Cile, California, Francia, Grecia, Spagna e Portogallo. Per la delegazione italiana saranno presenti Paolo Bruni, Elisa Macchi e Tomas Bosi (rispettivamente presidente, direttore ed esperto delle produzioni di CSO Italy), Monica Guizzardi (responsabile tecnico di Apo Conerpo), Gabriele Ferri (direttore generale di Naturitalia), Cristian Moretti e Ugo Palara (direttore generale e direttore tecnico di Agrintesa), Giovanni Casiraghi (responsabile approvvigionamento prodotto per Spreafico), Mauro Laghi (direttore generale di Alegra) e Alessandro Pernigo (responsabile commerciale di Frutta C2). A coordinare i lavori il presidente di Jingold, Patrizio Neri.

IKO_DelegazioneItaliana2018

La delegazione italiana nell’edizione 2018

Tra i punti all’ordine del giorno, l’esame della campagna 2018/2019, le stime circa l’imminente avvio della nuova stagione nell’Emisfero Nord, l’analisi dell’andamento di Nuova Zelanda e Cile, la valutazione di problematiche fitosanitarie e di eventuali attività promozionali.

L’Italia è il principale produttore di actinidia in Europa e, escludendo la Cina, anche dell’Emisfero Nord. Nonostante i raccolti deficitari degli ultimi anni, attorno alle 400 mila tonnellate, a fronte di un potenziale produttivo di circa 600 mila, anche a livello commerciale l’Italia ha dimostrato di essere un protagonista interessante e dinamico, con un export superiore alle 300 mila tonnellate e un import di circa 50 mila in contro stagione (soprattutto da Nuova Zelanda e Cile).

L’IKO è un’associazione costituita dai rappresentanti dei principali Paesi produttori ed esportatori di kiwi. Tra gli obiettivi di IKO lo sviluppo della coltivazione di actinidia a livello produttivo e commerciale attraverso lo scambio di informazioni, il confronto reciproco e la sinergia sui grandi temi relativi alla coltivazione. IKO si riunisce due volte all’anno: la prima all’inizio di settembre, la seconda a Berlino a febbraio in occasione di Fruit Logistica.

Fonte news: CSO Italy

Scrivi un Commento