VOG_TopNews_22ot-19nov
Eventi

Tavolo ortofrutta. “Con il contributo di tutti si vince la sfida della competitività”

AlessandraPesce_SottosegretarioMIPAAFT

Intervista ad Alessandra Pesce, Sottosegretario delle Politiche agricole alimentari e forestali. “Va messa a punto una strategia di aggregazione sulle OP”

Al consiglio informale dei ministri dell’agricoltura a Vienna si è parlato dell’ortofrutta in vista della prossima riforma dell’OCM?

Il consiglio informale di Vienna è stato incentrato su due temi principali: le modalità di innalzamento della vitalità delle zone rurali e il rafforzamento delle produzioni di qualità. Ci siamo espressi su questi due temi portando contributi specifici, come del resto anche gli altri Stati Membri, senza per questo tralasciare i riferimenti alla necessità di un impegno politico forte sulla Politica Agricola comunitaria, senza alcun arretramento sulle risorse disponibili, e alla messa a punto della semplificazione dell’impianto complessivo e delle regole di funzionamento, in modo tale da poter cogliere appieno le opportunità offerte per i nostri terrori rurali. Parallelamente abbiamo espresso apprezzamento sulla proposta di non ridurre le risorse da destinare all’OCM ortofrutta.

A che punto siamo con la spesa dei fondi comunitari destinati al settore?

Nell’ambito dell’Organizzazione Comune di Mercato, il settore ortofrutticolo è sostenuto per il tramite delle organizzazioni di produttori, che sono l’elemento distintivo dell’OCM ortofrutta, alle quali, con le varie riforme della PAC, è stato sempre riservato un ruolo centrale, potenziato di volta in volta. Alla data del 1 marzo 2018, in Italia sono state riconosciute 302 organizzazioni di produttori e 13 associazioni di organizzazioni di produttori (AOP).
Posso anche evidenziare come il comparto registri una tendenziale se pur lenta crescita del grado di aggregazione in organizzazioni di produttori, del relativo fatturato e, conseguentemente, anche del cofinanziamento comunitario sui fondi destinati alla realizzazione di programmi operativi. Per l’anno 2018 sono stati approvati 291 programmi operativi, per una spesa prevista di 506 milioni di euro, con un contributo di 256 milioni di euro. Allo stato attuale non si registrano criticità nell’erogazione dei finanziamenti, anzi il sistema procede con velocità nell’utilizzo delle risorse comunitarie.
Voglio anche evidenziare che la composizione e distribuzione sul territorio delle organizzazioni di produttori e la loro dimensione è alquanto varia. Credo che quindi vada messa a punto una strategia di rafforzamento dell’aggregazione in quei territori dove con più difficoltà si riesce a raggiungere un’adeguata massa critica.

Il decreto di costituzione del tavolo dell’ortofrutta è alla firma?

La riunione di oggi ha dato l’avvio a una nuova stagione di concertazione, sulla cui base sarà costituito formalmente il tavolo ortofrutta. Ma aldilà della formalizzazione il dialogo di oggi è nato nella consapevolezza che solo con il contributo di tutti si possa vincere la sfida della competitività.

Scrivi un Commento