Solarelli_topnews_10-17giu
Biologico

Cooperativa Agricola Primavera, nuove cariche sociali e nuovi progetti

CooperativaAgricolaPrimavera
Redazione
Autore Redazione

Riconfermato alla presidenza per il triennio 2018-2021 Albino Migliorini. “Puntiamo ad incrementare numero di soci e quantitativi di prodotto biologico conferito”

Si apre il nuovo triennio 2018-2022 per la Cooperativa Agricola La Primavera, realtà veronese di riferimento quando si parla di biologico in Italia, fondata nel 1989, socia del gruppo Agrintesa e Apoconerpo, fondatrice di Brio, società cona la quale  commercializza i propri prodotti ortofrutticoli.

Con l’approvazione del bilancio, infatti – più di 5,8 milioni di euro con una produzione di 48.000 quintali di colture orticole e frutticole su una superficie pari a 400 ettari – sono state rinnovate anche le cariche sociali. Riconfermati Simone Bazzoni, Andreas Bauer, Sebastiano Navarra, Albino Migliorini, Luigi Zenti, ingresso di due giovani produttori come Mattia Lago orticoltore e Davide Malacchini frutticoltore. Alla presidenza, riconfermato Albino Migliorini con alla vicepresidenza Luigi Zenti.

Albino Migliorini

Albino Migliorini

“Puntiamo in questo mandato  – sottolinea Migliorini – ad incrementare il numero di soci e di conseguenza i quantitativi di prodotto biologico conferito, capaci quindi di operare a livello nazionale. In tal senso particolarmente importante è lo sviluppo in Calabria, nella zona di Rosarno, della Cooperativa socia “I Frutti del sole” relativamente alle superfici bio di produzione frutticola in costante aumento e portando così la Cooperativa La Primavera ad avere 2 centri produttivi: uno in Veneto e l’altro in Calabria”.

Tra gli obiettivi della cooperativa anche lo sviluppo e la promozione presso le aziende socie delle certificazioni Global Gap, Grasp, Naturland e Demeter, “certificazioni sempre più necessarie per commercializzare i nostri prodotti. Inoltre, più “vendita diretta attraverso i nostri negozi, con un ampliamento del punto vendita della sede, consolidando così il rapporto tra produttori e consumatori”. Per quanto riguarda l’innovazione continua l’impegno con il progetto europeo BIOFERTIMAT sull’utilizzo di matrici da riciclo come fertilizzanti per colture orto-frutticole biologiche. “Siamo capofila del progetto – conclude il Presidente-  che è risultato primo nell’assegnazione del bando distinguendosi per l’approccio di ricerca e di sperimentazione innovativo.  Gli  attori coinvolti nel progetto per le loro specifiche conoscenze porteranno ad un ulteriore sviluppo dell’agricoltura biologica con un miglioramento dell’economia circolare del territorio”.

Scrivi un Commento