Interpoma_topnews_26set-16ott
Aziende

Pomodori: Steriltom investe 20 milioni e taglia gli sprechi

Previsti 10mila viaggi in camion in meno e l’impianto di 700 alberi

Nonostante tutti i flagelli attuali, dalla siccità al rincaro dei fattori di produzione, alla Steriltom investono 20 milioni di euro, a iniziare dall’efficienza energetica. La notizia l’ha comunicata oggi il direttore generale Alessandro Squeri al quotidiano La Stampa. Ottima notizia per l’azienda di Gragnano Trebbiense, siamo a Piacenza, leader europeo nel mercato della polpa di pomodoro. Nel 2021 il Gruppo ha presentato un bilancio da 120 milioni di euro. Numeri sorprendenti visto che otto anni fa il fatturato si fermava a 30 milioni. Altri numeri buoni: Steriltom lavora oltre 4,2 milioni di quintali di pomodoro fresco, 100% italiano e offre lavoro a oltre 700 persone.

Bolletta dieci volte più cara, si investe sul solare

Nell’intervista al quotidiano il manager sottolinea che la bolletta energetica sarà dieci volte più cara. Visto che l’export vale il 65% del fatturato significa stare sul mercato  ad armi non pari con competitori come gli spagnoli, sottolinea l’imprenditore, che godono “di un tetto al prezzo dell’energia e del gas. E per la nostra azienda, vendiamo in 80 Paesi del mondo, la competizione è in salita”. C’è da lavorare, ma si pensa a lungo termine e come rendere più competitiva l’azienda attraverso le rinnovabili.

Eliminati 10mila viaggi in camion

Ci sono i 20 milioni di euro in investimenti e un’operazione di ottimizzazione dei trasporti che presenta oltre  un buon conto economico  anche un impatto positivo sull’ambiente. Si tratta della trasformazione di circa 72mila metri quadrati in un piazzale asfaltato per ospitare i bidoni di polpa di pomodoro.

Tradotto in numeri significa che nello spazio retrostante lo stabilimento di lavorazione del pomodoro si concentrerà tutta la produzione che prima era dispersa in diversi siti. In questo modo si taglieranno ben 10mila trasporti con i camion e 27 tonnellate in meno di anidride carbonica ogni anno. Sparisce un viavai continuo.

Per arrivare a questo risultato è stata necessaria una variante a cui ha dato via libera il consiglio comunale di Gragnano. Anche con i voti dell’opposizione e sono previste le compensazioni: l’impianto di 700 alberi e un finanziamento da 700mila euro per la comunità. Interventi da concordare con i cittadini tramite il Comune.

(Visited 672 times, 1 visits today)