vog_topnews_07set-02nov
Aziende

Sant’Orsola, cresce la produzione di mirtilli: 8600 quintali nel 2019

Rendering nuovo stabilimento Sant'Orsola
Elena Turrini

La cooperativa Sant’Orsola ha organizzato per i soci una giornata di formazione sul mirtillo con Bernadine Strik esperta di potatura e coltivazione

Cresce la produzione di mirtilli dei soci Sant’Orsola, nota cooperativa trentina di Pergine Valsugana. Il 2019 si è chiuso con 8600 quintali, in aumento rispetto all’anno precedente nonostante i cambiamenti climatici in corso e la concorrenza da parte di Paesi che di recente si sono affacciati nei mercati europei più redditizi.

La formazione e aggiornamento dei soci è essenziale per la cooperativa che ha attivato nel proprio Villaggio dei Piccoli Frutti, a Pergine Valsugana, una vera e propria Scuola di aggiornamento tecnico sul mirtillo. Lo scorso 14 gennaio nella scuola è stata organizzata una giornata di formazione per i soci con un’insegnate d’eccezione: Bernadine C. Strik, docente all’università statale dell’Oregon, negli Stati Uniti, nota ed accreditata esperta di mirtilli a livello internazionale, specialista in culture di bacche, uva da tavola, kiwi, frutti di bosco a frutta.

“Abbiamo chiamato Strik con l’obiettivo di dare ai soci informazioni mirate ad aumentare la qualità dei mirtilli puntando specialmente alle tecniche di potatura migliori di cui la signora è maestra, quelle adatte ad elevare la qualità del frutto e la salubrità della pianta ed al tempo stesso mirate all’aumento della produzione pur mantenendo intatto il sapore squisito di questo frutto” ha spiegato il direttore generale Matteo Bortolini.

Gianluca Savini e Bernadine Strik

Sono stati tantissimi gli agricoltori che hanno partecipato all’evento: l’esperta ha potato per l’intero pomeriggio piante di mirtilli di una ventina di varietà insegnando nuove e più redditizie tecniche di coltivazione e potatura.Nella mattinata Strik ha spiegato tutti i segreti dei mirtilli, dalle radici al frutto: quelli americani, grandi e saporiti, il blueberry gigante coltivato dai soci della cooperativa in Trentino e nelle altre regioni italiane dove è presente, accompagnata da Gianluca Savini, traduttore per l’occasione e soprattutto coordinatore del settore agronomico della società.

(Visited 186 times, 1 visits today)