sorma_topnews_17giu-1lug
Aziende

Dole cambia logo e brand identity

Dole Foods Logo_Green Leaf with Shadow
Redazione
Autore Redazione

Xavier Roussel: “Questo nuovo look rafforza la brand position Dole come marchio premium di frutta e verdura fresche”.

Una semplice foglia che avvolge il logo quasi in un abbraccio. Si presenta così il nuovo logo di Dole, uno dei nomi di riferimento a livello mondiale dell’ortofrutta. Una decisione, quella che ha portato alla rivisitazione della propria brand identity, giunta “dopo   un intenso periodo di analisi, condotto negli ultimi due anni, e finalizzato a comprendere preferenze, desideri e comportamenti dei consumatori della categoria merceologica dell’ortofrutta” afferma Dole Food Company nel suo comunicato ufficiale.

La nuova identità, che intende preservare i valori fondanti dell’azienda, vale a dire freschezza, trasparenza e responsabilità, “si traduce in una evoluzione nel trattamento del logo, ispirato alla natura e ai benefici dei suoi frutti; una diversa raffigurazione del mondo rappresentativo di Dole: un cambiamento dei colori impiegati, resi più reali, chiari e naturali, della texture e del carattere tipografico”.

Cambia anche la tagline di Dole che diventa “Powering You”, che intende anche “motivare i consumatori, incoraggiandoli a mangiare in modo sano e a migliorare il loro stile di vita. “Siamo cresciuti ed evoluti nel corso degli anni, e abbiamo rinnovato il nostro marchio per riflettere chi siamo oggi e dove ci vediamo nel futuro”, dichiara nella nota Xavier Roussel, Vice Presidente Marketing e Sostenibilità di Dole Food Company. “Questo nuovo look rafforza la brand position Dole come marchio premium di frutta e verdura fresche, coltivate e consegnate da tutto il mondo fino a casa del consumatore al top della qualità, della freschezza e del gusto”.

Il processo di aggiornamento dell’immagine è già in atto e sarà visibile in modo definitivo su tutti gli imballi, i packaging e i materiali collaterali di comunicazione con l’esaurimento degli stock esistenti e fino a completarsi nel corso del 2019.

Scrivi un Commento