Gullino_TopNews_11set-30ott
Reparto Ortofrutta

La miglior insalata in busta? È di un Discount

Parola del Gambero Rosso. Il famoso mensile gourmet ha degustatato 16 insalate di IV gamma. La migliore per rapporto qualità/prezzo è quella di Tuodì, fornitrice l’azienda L’Insalata dell’orto.

La miglior insalata in busta presente sul mercato in Italia, per il noto mensile Gambero Rosso (numero di Luglio), considerando qualità e prezzo, è quella di un Discount: Tuodì. È la misticanza della linea “Naturalmente Tuo”, 90 grammi al prezzo di 0,99 euro, fornita dall’azienda veneziana L’Insalata dell’Orto. Un prodotto private label, dunque, o a “marchio del distributore” come è prassi definire ormai in Italia i prodotti venduti dalle insegne della grande distribuzione.

Tre gli esperti che hanno degustato 16 referenze e composto il panel: Maria Gabriella Ciofetta, assaggiatrice professionista di olio, Marco Greggio, agronomo e docente di analisi sensoriale e Mara Nocilla, della redazione del Gambero Rosso.

Comprate tutte a Roma il giorno prima della degustazione, conservate in borse frigo prima di arrivare nelle celle della Città del Gusto di Roma, le insalate in busta (sono state scelte le misticanze baby leaf) sono state valutate in base a diversi parametri: la freschezza, la pulizia e la dimensione delle foglie, l’odore (fondamentale per gli esperti del Gambero Rosso), intensità, persistenza, equilibrio delle sensazioni aromatiche e gustative e, infine, consistenza.

Insomma, un po’ come il Gambero fa per il vino dal 1987 – la sua guida, nella giungla di pubblicazioni del genere presente in Italia, è molto nota ad operatori del settore e appassionati grazie al noto riconoscimento dei “Tre Bicchieri” -, anche per le insalate in busta la casa editrice romana ha deciso di “degustare” professionalmente un buon numero di referenze presenti sul mercato.

La IV gamma  è un settore, come la quasi totalità dei lettori di questa testata sa, dove dominano proprio le insalate in busta: un mercato che per molti anni è cresciuto nel nostro Paese ogni anno a doppia cifra percentuale – per poi, come è normale accada raggiunta la maturità, assestarsi –  tanto che gli italiani sono diventati i maggiori consumatori di insalate in busta d’Europa.

NaturalmenteTuoMisticanza - SchedaGamberoRossoL’oscar del rapporto qualità/prezzo, secondo il Gambero Rosso, è una sorpresa, perché proveniente da un attore del segmento Discount della Gdo (non ce ne voglia il Gruppo Tuo, ma nel settore, in realtà, rispetto a quanto si legge nella scheda che pubblichiamo qui a lato, le insegne che per quota di mercato possono essere considerate le più importanti in Italia sono Eurospin, MD Spa e Lidl).

Nel panel delle referenze degustate alcuni nomi noti dell’universo IV gamma come Bonduelle e San Lidano (mancano, però, brand di riferimento come DimmidiSì e OrtoRomi, giusto per citare i primi due che ci vengono in mente), quelle del mondo bio sono rappresentate da Almaverde Bio e da Ecor-NaturaSì. Tra le private label, oltre a Tuodì, troviamo quelle di Auchan (anche Simply), Carrefour, Coop, Conad, In’s (discount del Gruppo PAM), Eataly e Lidl (mancano all’appello Esselunga e l’universo Selex, terzo operatore del mercato italiano, o ancora Unes-U2 e Iper la Grande i del gruppo Finiper).

Un box a parte è dedicato alla nuova frontiera delle insalate arricchite con una scheda per una referenza della Linea Benessere nata dalla collaborazione tra Valfrutta Fresco e Cultiva.

Un esperimento interessante, considerando che raramente, se non proprio mai, considerazioni relative al “gusto” rientrano negli articoli che si occupano di frutta e verdura e che a volte, sulle testate generaliste o rivolte specificatamente al grande pubblico, quella della IV gamma è una categoria spesso presa di mira in modo non certo positivo.

1 Commento

  • SONO UNA CLIENTE AFFEZIONATA “TUODI” (VIA DI TORRE SPACCATA, 110-ROMA) E CONDIVIDO A PIENO IL GIUDIZIO SULL’INSALATA IN BUSTA CHE ACQUISTO REGOLARMENTE. VOGLIO SOLO AGGIUNGERE CHE OLTRE AL PRODOTTO IN SE’, E’ MOLTO IMPORTANTE LA CONSERVAZIONE DELLE BUSTE NEL FRIGO, ALLA GIUSTA TEMPERATURA.

Scrivi un Commento