DOLE_topnews_4-29ago
Prodotti

Nuova App “Frutta e Verdura” con consigli e ricette

App Frutta e Verdura
Redazione
Scritto da Redazione

L’Unione Nazionale Consumatori (UNC) in collaborazione con Unaproa lancia una nuova App gratuita dedicata a frutta e verdura. Per dispositivi iOS e Android

App Frutta e Verdura

App Frutta e Verdura

Consigli, ricette (con collegamento esterno al sito melarossa.it), istruzioni sulle indicazioni nutrizionali di una dieta basata sui 5 colori in 5 porzioni di frutta. Grafica snella e interfaccia intuitiva. È la nuova App “Frutta e Verdura” lanciata dall’Unione Nazionale Consumatori (UNC) in collaborazione con Unaproa, l’Unione Nazionale tra le Organizzazioni dei Produttori Ortofrutticoli, Agrumari e di Frutta in Guscio.

L’App consente di cercare frutta e verdura in base al colore, al nome, alla regione e alla qualità (Dop, Igp o prodotti tradizionali): per ognuno dei prodotti è presente una scheda che, oltre a descriverne storia e caratteristiche – una sorta di carta d’identità comprensiva anche di aneddoti e utilizzi sia in cucina che anche in altri ambiti come la cosmesi – dona spiegazioni sulla conservazione, le qualità nutrizionali e la sua diffusione territoriale.

“Questo progetto – commenta in una nota congiunta il presidente di Unaproa Antonio Schiavelli – consolida il positivo legame tra l’Unione Nazionale Consumatori e l’Unione Nazionale tra le Organizzazioni dei Produttori Ortofrutticoli, Agrumari e di Frutta in Guscio, che tende a rafforzare la relazione tra produzione e consumo. Il tutto nell’interesse della salute del consumatore, profondamente connessa a una maggiore conoscenza di ciò di cui ci si nutre, e finalizzato alla valorizzazione del made in Italy. Obiettivi racchiusi anche nel marchio, ideato e registrato da UNAPROA, “5  colori del benessere”, un sigillo di garanzia che, oltre a ricordare l’importanza per il nostro benessere di mangiare ogni giorno almeno cinque porzioni di frutta e verdura di colori diversi, certifica la qualità, la provenienza e la rintracciabilità della frutta e della verdura italiane”.

Scrivi un Commento