PrimoMattino_topnews_4-31lug
Eventi

Italmercati. A Fruit Logistica debutto internazionale

Italmercati
Redazione
Scritto da Redazione

Pallottini: la ribalta più appropriata per farci conoscere a livello internazionale. Prevista la presenza di Manuel Estrada di WUWM

Per fare il punto della situazione, a circa un anno dalla sua nascita, Italmercati ha deciso di organizzare un incontro con i rappresentanti dei Mercati a livello internazionale, nonché con organizzazioni e stampa sia italiana che estera di settore, al prossimo Fruit Logistica di Berlino (3-5 febbraio 2016).

Un debutto, per Italmercati, a livello internazionale, fondamentale per una Rete di Imprese della quale fanno parte i principali Mercati italiani: Roma, Milano, Torino, Verona, Firenze, Bologna e Napoli, un giro di affari di circa 6 miliardi di euro e una movimentazione di ortofrutta pari al 70% del totale nazionale).

Giovedì 4 febbraio (11,30 – Hall2.2 | D-09a) il presidente Fabio Massimo Pallottini illustrerà le attività che hanno caratterizzato il primo anno di lavoro e gli obiettivi futuri: è previsto anche un intervento di Manuel Estrada, presidente di WUWM (World Union Wholesale Markets). All’appuntamento saranno presenti anche esponenti di primo piano dei Mercati esteri come Josep Tejedo, direttore generale di Mercabarna (primo Mercato europeo per movimentazione di ortofrutta) e la direzione generale di Parigi-Rungis (primo Mercato europeo per movimentazione generale: ortofrutta, carni, fiori).

“Fruit Logistica – dichiara Pallottini – ci sembra la ribalta più appropriata non solo per riflettere brevemente su quanto fatto ma soprattutto per farci conoscere a livello internazionale. I Mercati sono dentro la globalizzazione perché i traffici e i prodotti che si muovono al loro interno sono tra i più globalizzati al mondo. Dobbiamo quindi superare certi steccati, le chiusure in cui a volte in Italia ci si muove, per aprirci alla collaborazione con gli altri. Abbiamo creato un network italiano ma questa Rete deve a sua volta ed inevitabilmente entrare nel network internazionale. Siamo a Berlino per questo e per questo la nostra presenza vuole essere attiva e propositiva”.

Scrivi un Commento